L’Ericofon, creato dalla svedese Ericsson nel 1954 per mano del designer Gosta Thames, è forse uno dei più grandi passi in avanti nel design di telefoni e piccoli elettrodomestici in genere. Grazie alle scoperte tecnologiche effettuate durante la seconda guerra mondiale, plastica e materiali ferromagnetici in primis, nei primi anni 50 fu possibile pensare e progettare un prodotto innovativo, comodo e soprattutto esteticamente rivoluzionario per l’epoca.

Originariamente pensato per il mercato professionale, l’Ericofon deve la sua forma e struttura compatta e senza separazione tra corpo e cornetta al suo originario target di riferimento: gli ospedali. Utilizzare un telefono da tavolo dal letto di un ospedale poteva diventare un incubo con cornetta e corpo separati, da qui l’idea di incorporare i due elementi in un’unica forma compatta e di facile utilizzo. Tutto il telefono è strettamente elettromeccanico, tranne per la suoneria che in alcuni modelli è elettronica (detta “Ericotone”) e che rappresenta il primo esempio di elettronica applicata alla telefonia domestica.

Ericofone VerdeL’Ericofon fu prodotto in 18 bellissimi colori e ne esistono due varianti leggermente diverse, una più allungata, quella originaria prodotta per il mercato europeo e australiano e una leggermente più corta, prodotta per il mercato americano. Esistono anche altri particolarissimi colori prodotti in tirature molto limitate, tra cui un modello con corpo in plastica trasparente.

Nel 1967 fu prodotto il primo modello di Ericofon con tastiera, erano presenti 10 tasti (solo i numeri). Nel 68 ne fu prodotto una edizione limitata di 7000 pezzi (di cui solo 3000 effettivamente venduti) con tastiera “estesa” di 12 tasti in cui erano presenti anche asterisco e cancelletto in un formato che è oggi lo standard per tutti i telefoni.

Nel 1972 la Ericsson cessò la produzione dell’Ericofon, cedendo le rimanenti scorte di magazzino ad una piccola azienda (CEAC) che ne continuò la produzione sotto nuovo nome per un breve periodo.

Nel 1976 Carl-Arne Breger progettò un nuovo modello di Ericofon chiamato “Ericofon 700”, prodotto dalla Ericsson per celebrare i suoi 100 anni di attività.

L’Ericofon rimane ancora oggi un incredibile esempio di come il design, l’estetica e l’innovazione tecnologica possano converegere in un unico prodotto, venduto in milioni di esemplari. Il suo fascino senza età ne fa un prodotto ancora oggi appetibile e ricercatissimo da collezionisti, appassionati o semplici esteti nei mercatini di tutto il mondo e su eBay.

Ancora oggi utilizzabile con le nostre “nuove” linee tecnologiche questo telefono a rotella (o a tastiera se siete fortunati) giova secondo me del grande successo dei cellulari: al giorno d’oggi al telefono di casa più che altro si risponde, non si compone e quindi neanche la “scomodità” della rotella è più un ostacolo per l’utente medio. Quando poi dovrete comporre un numero volete mettere la sensazione stupenda di fare girare quella storica rotella piena di ricordi e sensazioni?

Inutile dirlo, il posto migliore dove trovare un Ericofon in vendita è eBay. Sono molto ricercati e relativamente rari e quindi è dura aggiuficarsene uno a meno di una cinquantina di euro (quando va bene).

Per scoprire tutto sull’Ericofon visitate questo completissimo sito.